Suona la sveglia, prendi in mano il tuo smartphone per spegnere la suoneria, ma invece di lanciare maledizioni per il sonno interrotto – dopotutto sono solo le 7 del mattino! – clicchi su WhatsApp e ascolti il primo notiziario della giornata. #InPrimis, 5-6 minuti in cui si ascoltano le news più importanti del momento, è nato da un’idea di Francesco Zambelli (nella foto) che in questo modo ha unito la sua passione per il giornalismo radiofonico con quella più recente di esperto di web marketing. Un’idea premiata domenica scorsa con il secondo posto allo Startup Weekend di TIM#Wcap Milano.

#inPrimis: il notiziario per chi va di fretta

Realizzare un’informazione per chi non ha tempo (o voglia) di ascoltare i giornali radio ma vuole arrivare in ufficio conoscendo già gli ultimi avvenimenti.

E qual è lo strumento di comunicazione veloce per eccellenza? WhatsApp, usata nel mondo da 1 miliardo di persone e che vede l’Italia nei primi posti tra i Paesi con il maggior numero di utenti.

Ma com’è il notiziario di #inPrimis? E’ in tutto e per tutto simile a un notiziario radio, ma essendo più breve si concentra sulle notizie principali del giorno, con gli ultimi 50 secondi dedicati ai titoli delle prime pagine dei maggiori quotidiani. Il lunedì è prevista anche una rubrica da 1 minuto sui “conflitti dimenticati” e il venerdì sugli anniversari (“una data in un minuto”) a cura di Daniele Piacentini, mentre il mercoledì la rubrica è dedicata a “startup, innovazione e territorio” ed è curata dal giornalista di Corriere Innovazione Massimiliano Del Barba.

Esiste anche una versione del notiziario per Telegram, ma la maggior parte degli utenti (attualmente circa 400), ha optato per la versione WhatsApp (per registrarsi mandare un messaggio al +447937780121).

Se i numeri dell’utenza sono per il momento ancora contenuti, da un sondaggio realizzato è emerso un alto grado di fidelizzazione: il 60% ascolta infatti il notiziario tutti i giorni.

In futuro prevista una versione web e pubblicità su entrambi i canali

Prossimamente il notiziario avrà anche una versione web avanzata, che permetterà di selezionare le testate di cui si vogliono ascoltare i titoli.

Questo per venire incontro alle preferenze degli ascoltatori, molti dei quali durante la fase di test avevano espresso il desiderio di seguire solo le testate con cui si sentono maggiormente in sintonia.

Sia la versione WhatsApp che la piattaforma web verranno utilizzate per la messa in onda di pubblicità, da cui ci si attende un ritorno economico per il servizio che invece per gli utenti è gratuito.

#inPrimis premiato allo Startup Weekend

Il progetto di Francesco Zambelli, 38enne bresciano, è arrivato secondo allo Startup Weekend di TIM #Wcap svoltosi a Milano durante lo scorso fine settimana (per la cronaca il primo premio se l’è aggiudicato Youfarmers mentre il terzo è andato a Workin It).

Il premio consiste in un programma di mentorship che avrà inizio nel mese di settembre.

Durante la competition gli ideatori di un progetto di startup – 15 i progetti in gara – avevano la possibilità di trovare altri componenti per il proprio team: a Francesco Zambelli si sono quindi aggiunti Francesco Fanelli (sviluppatore), e lo studente Giulio Parisi Asaro interessato a ricoprire il ruolo di commerciale.

Per Francesco Zambelli non era la prima partecipazione a una startup competition. “Ma è sempre un’esperienza emozionante“, ha commentato.

 

 

17 maggio 2017
WhatsApp (#InPrimis)

WhatsApp: nasce il notiziario da ascoltare appena svegli

Suona la sveglia, prendi in mano il tuo smartphone per spegnere la suoneria, ma invece di lanciare maledizioni per il sonno interrotto – dopotutto sono solo […]
8 marzo 2017
Speed mi up

Speed mi up alla ricerca di 15 nuove imprese o aspiranti imprenditori

Speed mi up, incubatore di startup innovative promosso dalla Camera di Commercio e dal Comune di Milano in collaborazione con l’Università Bocconi, cerca 15 nuove imprese […]
17 febbraio 2017
finanziamenti a fondo perduto (Resvalue)

Finanziamenti a fondo perduto, una startup aiuta a trovarli

Finanziamenti a fondo perduto, quante imprese vorrebbero trovarli? Domanda retorica, direte. Eppure ci sono 123 miliardi di euro che l’Europa vuole darci e che rischiano di tornare indietro […]
10 febbraio 2017
Dream Academy

Dream Academy: aperto un bando per 5 borse di studio

Cinque borse di studio, del valore di 8.000 euro ciascuna, destinate alla partecipazione alla Dream Academy di Napoli, sono state deliberate da Coopfond, il fondo mutualistico […]
19 ottobre 2016
Future Food

Future Food cerca i migliori progetti su cibo e agroalimentare

Digital Magics lancia una call per startup innovative nel Food e Agroalimentare. Anche se l’Expo è finita da un pezzo, il tema continua a suscitare interesse. E […]
13 ottobre 2016
il futuro siamo noi

Il futuro siamo noi: premiati i vincitori del bando Bellacoopia

Il futuro siamo noi era il tema del bando 2016 del progetto Bellacoopia, promosso da Legacoop Emilia-Romagna (con il contributo di Coopfond e dell’amministrazione regionale) e di […]