Startup: al Convegno Assinform sul Digitale uno spazio dedicato.

Che ci fanno Davide Dattoli di Talent Garden, Massimiliano Magrini di United Ventures e Andrea Di Camillo di Programma 101 al Convegno di Confindustria Digitale sul Rapporto Assinform 2015?

Dopo la presentazione del Rapporto sull’andamento del mercato Ict da parte di Giancarlo Capitani (NetConsulting3) e Agostino Santoni (Presidente Assinform), dopo gli interventi istituzionali di Paolo Barberis (Consigliere per l’Innovazione Presidenza del Consiglio) e Antonio Samaritani (Direttore AgiD), un trio di giovani (assente per indisposizione il quarto, il Digital Champion Riccardo Luna) si impossessa del palco.

Tutto previsto, eppure la sorpresa c’è.

Non è scontata la loro presenza al Convegno. Perché, dice il venture capitalist Andrea Di Camillo, “le startup sono una specie di categoria protetta“, un mondo a parte insomma che stenta a confrontarsi con le imprese tradizionali. Le quali, a loro volta, non conoscono quel mondo con cui invece sarebbe importante imparassero a collaborare.

Startup: pochi capitali, ma nuove energie anche per le imprese tradizionali.

Il mercato della startup in Italia non è quello statunitense e nemmeno quello dei Paesi europei più avanzati.

Oggi in Italia sono circa 80 milioni  i capitali disponibili, in Francia sono oltre 930 – snocciola Di Camillo – A noi ogni anno si rivolgono 1.500 iniziative che necessitano di finanziamenti e noi investiamo sull’1%. Che cosa succede a tutte le altre? La Silicon Valley non è fatta solo di grandi colossi ma anche di tante piccole realtà“.

Non parla invece di cifre ma di “personalità e energie forti che possono cambiare le cose anche nel sistema delle aziende old economyDavide Dattoli, che tre anni fa quando di anni lui ne aveva solo 22 e nessuno ancora in Italia parlava di coworking lo ha importato dall’America creando un network oggi diventato internazionale.

L’età media degli startupper è di 33 anni, ma il successo arriva più tardi sui 40 – ha ricordato il fondatore di Talent Garden – Da queste energie le aziende possono attingere. Ma per sfruttare l’ecosistema dell’innovazione bisogna conoscerlo, scoprirlo, andare nei luoghi dove sta crescendo la classe dirigente del futuro“.

Startup e grandi aziende: attenzione “all’abbraccio del gorilla”!

Non solo energie nuove, ma anche idee nuove possono venire dal mondo delle startup. Lo afferma Massimiliano Magrini, altro venture capitalist che dice di finanziare “solo startup con grandi ambizioni, con progetti globali a dimensione internazionale e soprattutto quelle che sono in grado di ridefinire i modelli di business“.

Le aziende tradizionali devono “capire quali startup ridefiniscono il modello di business e portarle dentro” perché se non innovano rischiano di scomparire.

Ma lancia anche un avviso alle startup: è meglio prima essere sicuri di reggersi sulle proprie gambe, altrimenti si rischia “l’abbraccio del gorilla”. Un abbraccio che può essere anche mortale.

6 luglio 2015
Startup e imprese tradizionali

Startup, nuova linfa per le imprese tradizionali

Startup: al Convegno Assinform sul Digitale uno spazio dedicato. Che ci fanno Davide Dattoli di Talent Garden, Massimiliano Magrini di United Ventures e Andrea Di Camillo di […]
22 giugno 2015
Stampante 3d QUDA

Stampante 3d in vendita all’Ipercoop

Stampante 3d QUDA è nata da un progetto di How/Art. Ha preso vita da un progetto di How/Art, una startup costituita da quattro giovani cooperative pugliesi: PazLab (comunicazione, design […]
17 giugno 2015
Last Call To Europe

Last Call To Europe 2020, per una crescita sostenibile

Un evento organizzato da Sodalitas e CSR Europe presso Expo. Venerdì 19 giugno presso l’Expo di Milano sono chiamati a raccolta i più autorevoli protagonisti mondiali per presentare […]
16 giugno 2015
LibreItalia

LibreItalia aderisce all’Open Source Initiative

LibreItalia e OSI promuovono la diffusione del software libero. L’Italia e la California da oggi sono più vicine grazie all’ingresso dell’associazione italiana per il software libero nella […]
9 giugno 2015
Nicholas Caporusso

A 34 anni ha già fondato tre startup di successo

Nicholas Caporusso è uno dei 10 giovani migliori innovatori italiani. A soli 34 anni ha già fondato tre startup di successo (Quiris, Aries, Intact) e collezionato diversi riconoscimenti. […]
4 giugno 2015
Festival dell'Economia 2015

Venture capitalist vs startup: squali o benefattori?

Finanziatori e neo-imprese a confronto al Festival dell’Economia. Sharks o Angels? Squali o benefattori? La domanda, che trae ispirazione dal titolo di un talent in onda il […]