Padiglione Azerbaijan: una tecnologia all’avanguardia.

Una vera sorpresa per i visitatori di Expo è il padiglione dell’Azerbaijan, mix di tradizione e innovazione come in realtà è il Paese, geograficamente stretto tra Russia, Georgia, Iran e Turchia, ricco di petrolio e desideroso di aprirsi all’Occidente ma anche custode di tradizioni millenarie e orgoglioso della propria identità e cultura.

L’impatto visivo è forte e immediato, a partire dalla struttura con grandi sfere in vetro curvo e acciaio, vero esempio di architettura complessa, realizzate con un’innovativa tecnologia di derivazione aeronautica per la quale è in corso la procedura di brevetto.

Ma anche gli interni non sono da meno: il percorso, che si snoda tra il piano terra e altri due piani sovrastati da una grande terrazza con giardino, è davvero emozionale ed emozionante.
Ad accogliere i visitatori è il Mirroring Baku, una struttura in legno con una proiezione interattiva a grandezza d’uomo collegata con un’identica installazione situata nella capitale, Baku: le installazioni consentono un’interazione in tempo reale tra le due realtà.

Azerbaijan: calcio e turismo, ma anche una storia e una tradizione millenaria.

Inaspettato, per chi conosce questo Paese solo per il turismo e il calcio ma non ne conosce la storia e la tradizione millenaria soprattutto in campo musicale (la musica azerbaigiana è stata dichiarata patrimonio immateriale dell’Unesco), è il Musicwall, una grande parete interattiva raffigurante un pentagramma musicale in legno con inserti in metallo.

Azerbaijan: Musicwall

Padiglione Azerbaijan: il Musicwall, parete interattiva con pentagramma e strumenti musicali

Di grande impatto visivo il primo piano, dedicato ai colori dell’Azerbaijan e cosparso di aiuole colorate dotate di monitor a led e docce sonore.

Expo Azerbaijan 3

Padiglione Azerbaijan: aiuole illuminate con monitor a led e docce sonore

Celebra invece la varietà dei sapori il secondo piano, dove le tecnologie rendono la visita totalmente esperienziale grazie a tavoli interattivi e installazioni in 3D.

I progettisti del Padiglione dell’Azerbaijan si sono ispirati all’idea di biosfera.

L’idea che ha ispirato Simmetrico , il network italiano di creativi, project manager ed esperti di tecnologie multimediali che è autore del progetto, è quella della biosfera, ovvero un sistema aperto ai flussi esterni ma capace di proteggere e favorire lo sviluppo della vita al suo interno.

Da questa idea iniziale è nato il Padiglione, composto da tre biosfere che si incastonano sull’impianto generale dell’edificio e che rappresentano: la prima l’idea di un Paese crocevia di culture diverse, la seconda la ricchezza della biodiversità naturale (l’Azerbaijan contiene in sé ben 9 degli 11 climi esistenti al mondo), la terza l’intreccio tra innovazione e tradizione simboleggiato da un grande albero capovolto le cui radici guardano verso l’alto.

Alla realizzazione hanno contribuito, oltre allo studio di progettazione Simmetrico, Arassociati, AG&P e iDeas per il design del padiglione; Fratelli&Co, Design Direct e Black Engineering e Voltaire Design per il design di interni e installazioni, mentre la costruzione delle facciate e delle sfere è stata realizzata da People&Projects.
La ricerca e lo sviluppo dei contenuti ha richiesto 18 mesi di lavoro. Il progetto, considerando tutte le fasi del percorso, ha coinvolto 300 persone tra Italia e Azerbaijan.

7 maggio 2015

Expo, sorpresa Azerbaijan: tecnologia al servizio della tradizione

Padiglione Azerbaijan: una tecnologia all’avanguardia. Una vera sorpresa per i visitatori di Expo è il padiglione dell’Azerbaijan, mix di tradizione e innovazione come in realtà è […]
5 maggio 2015
Lercio.it

Lercio.it, la satira corre sul web

Lercio.it è nato dal gruppo della “Palestra” di Daniele Luttazzi. Superpremiato lo scorso anno da Macchianera Italia Awards (primo premio per miglior sito e miglior battuta, secondo per […]
30 aprile 2015
Antonio Samaritani

E’ Antonio Samaritani il nuovo direttore Agid

Agid: il nuovo direttore Samaritani sostituisce Alessandra Poggiani. E’ Antonio Samaritani il nuovo direttore Agid, l’Agenzia per l’Italia Digitale. Sostituisce Alessandra Poggiani, dimessasi un mese fa tra non poche polemiche. Samaritani, […]
10 aprile 2015

Innovazione sociale, Zandonai: “Ritardo clamoroso…”

Innovazione sociale: un convegno della cooperativa Aeris. Sempre più spesso si sente parlare di innovazione sociale. Ma il sociale è pronto per l’innovazione? Assistendo al convegno […]
2 aprile 2015
Greenmore-Ied

Greenmore, l’agricoltura che piace ai giovani

Greenmore è un progetto di IED e Coldiretti . L’agricoltura sta vivendo un momento di particolare attrattività, grazie alle filiere Km0 e grazie all’avvicinarsi dell’Expo. Ma nell’immaginario comune l’attività […]
31 marzo 2015
Alessandra Poggiani

Alessandra Poggiani (Agid): la solitudine dei numeri primi

Alessandra Poggiani si è dimessa dalla direzione dell’Agid. Otto mesi fa la Rete si era mobilitata per lei. Quando era cominciato a circolare il suo nome […]