ANTIPOLITICA? NO, GRAZIE. CON UNA NUOVA PIATTAFORMA IL MUNICIPIO DIVENTA “OPEN”

Fare del proprio Comune una casa di vetro aperta a tutti i cittadini: è questo l’obiettivo di openmunicipio, un progetto lanciato in questi giorni dall’associazione no-profit openpolis (http://www.openpolis.it/).
Dopo aver ideato la piattaforma che monitora il lavoro dei parlamentari, con il nuovo programma si punta invece a stimolare la partecipazione nelle singole realtà locali. Un antidoto all’antipolitica che, complice il pessimismo suscitato dalla crisi e dalla corruzione dilagante, sta conquistando sempre più proseliti.
Con openmunicipio i lavori di sindaco, giunta e consiglio sono aggiornati in tempo reale, superando l’attuale albo pretorio online che rende pubblici gli atti per soli 15 giorni.
Delibere e votazioni, agenda dei lavori sono quindi costantemente disponibili, così come sempre consultabile sarà anche lo storico, una base di conoscenza finora inutilizzata perché conservata solo all’interno dell’organizzazione comunale.
Ma l’aspetto più importante è il ruolo che singoli cittadini, partiti o associazioni possono svolgere, commentando e votando gli atti e seguendo l’attività dei singoli amministratori.
La piattaforma è open source, il che significa che i codici sorgente sono a disposizione di tutti.
Il costo per le amministrazioni pubbliche è piuttosto contenuto e va a coprire le attività necessarie per l’apertura del sito, l’hosting e la manutenzione della piattaforma, la catalogazione degli atti e la moderazione dei contenuti inseriti dagli utenti.
Ad aggiudicarsi la palma di primo Comune “open” è Udine (http://udine.openmunicipio.it/). Ora c’è solo da sperare che molte altre realtà locali, grandi o piccole che siano, vogliano seguirne l’esempio.

Copiare gli scritti altrui non solo è vietato dalla legge, ma è indice di scarso senso etico. Se ti piace quello che ho scritto e lo vuoi riprodurre altrove, fallo pure, ma per favore cita la fonte.


Annamaria Vicini
Annamaria Vicini
Giornalista pubblicista ho collaborato con quotidiani nazionali (L'Unità, Corriere della Sera, Il Giorno) e, dopo essermi trasferita da Milano in Brianza, con testate a carattere locale. Fulminata sulla via del web, sono passata nel 2001 a dirigere un sito Internet e una tivù a circuito chiuso nell'ambito della Grande Distribuzione. Ho realizzato house organ aziendali e mi sono occupata di Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni. Attualmente lavoro come free-lance e sono Digital Champion di Merate (Lc).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.