L’e-book delle Wister presentato ieri a Palazzo Madama.

Competenze, Conoscenze, Consapevolezze: eccolo il fattore C, per essere o diventare fruitori non passivi della Rete. 
Niente a che vedere con quel fattore C più spesso menzionato, che si affida solo al caso e non a un percorso di formazione e crescita quale quello delineato nell‘e-book realizzato dalle Women for Intelligent and Smart TERrritories (http://www.wister.it/e presentato ieri mattina in Senato.
Fare gli onori di casa è toccato alla senatrice Laura Puppato, presenti due delle tre curatrici del progetto: Sonia Montegiove ed Emma Pietrafesa (assente Flavia Marzano, presidente di Stati Generali dell’Innovazione).
Da sinistra: F. Montemagno, L. Puppato, P. Manacorda, E. Pietrafesa, S. Montegiove

Non solo rischi, ma anche opportunità

Belli e appassionati gli interventi di Paola Manacorda, pioniera nel campo della progettazione software, e di Riccardo Luna, giornalista e neo-nominato Digital Champion.
Ma se la prima ha messo soprattutto l’accento sui rischi che l’uso di internet e delle nuove tecnologie può comportare, in particolare nell’adolescenza quando più forte è il desiderio di fare nuovi incontri e di esplorare nuovi territori, il secondo ne ha invece esaltato le potenzialità purché venga superato l’enorme divario digitale che ancora affligge il nostro Paese.
Non è solo un problema di infrastrutture, ma anche di competenze – ha affermato Luna – In Italia solo quattro imprese su cento fanno e-commerce. Ma c’è anche il problema della scuola, soprattutto al Sud, e quello delle fasce anziane della popolazione. Bisogna andare in tutte queste realtà e spiegare l’importanza degli strumenti tecnologici: ecco perché ho pensato di dividere il mio incarico con altri ottomila digital champion, uno per ogni Comune italiano“.
Fondamentale, come ha sottolineato Luna, è quindi anche il ruolo dei volontari. E non a caso alla presentazione era presente Agnese Addone di Coder Dojo Italia, l’associazione che insegna ai bambini a programmare.
La Rete – ha detto Manacorda evocando un’immagine molto suggestiva – è una metafora della vita. Sia nell’una che nell’altra c’è una perenne contraddizione tra bisogno di sicurezza e desiderio di libertà. Occorre mediare tra queste due esigenze“.
Ed ecco quindi l’importanza delle tre C, a cui è dedicato l’e-book, il secondo della serie WoW (World of Wister).
Tre le sezioni in cui si suddivide: la prima dedicata alle opportunità in ambito professionale, economico e sociale; la seconda riservata ai rischi quali cyberbullismo, molestie e hate speech, mentre nella terza si offrono strumenti utili per usare al meglio applicazioni e software.
L’e-book è acquistabile a 0,99 euro (http://www.ultimabooks.it/il-fattorec-e-la-rete-competenze-consapevolezze-conoscenze).Copiare gli scritti altrui non solo è vietato dalla legge, ma è indice di scarso senso etico. Se ti piace quello che ho scritto e lo vuoi riprodurre altrove, fallo pure, ma per favore cita la fonte.
30 ottobre 2014

Internet, come non essere fruitori passivi

L’e-book delle Wister presentato ieri a Palazzo Madama. Competenze, Conoscenze, Consapevolezze: eccolo il fattore C, per essere o diventare fruitori non passivi della Rete.  Niente a […]
17 ottobre 2014

Sexting e adolescenti al centro di una giornata di studio

Il fenomeno, in aumento, preoccupa genitori e insegnanti. Lo fanno per divertimento e “per scherzo”, ma anche “per ricevere attenzione” (25% delle ragazze contro il 15% […]
25 marzo 2014

Reati online, meno fondi alla Polizia postale

La spending review taglia 73 sezioni provinciali. Tra i tagli previsti dalla spending review del commissario Carlo Cottarelli, alla voce “Forze dell’ordine” risulta anche questa sforbiciata. Merita […]
12 marzo 2014

Adolescenti e internet, genitori assenti

Un’indagine del Cremit traccia un quadro preoccupante. Adolescenti abbandonati a se stessi nel rapporto con le tecnologie, che utilizzano fino a tre ore al giorno durante […]
26 febbraio 2014

Cyberbullismo, seminario per genitori e insegnanti

Il 61% dei ragazzi ne sono vittime. I social network rappresentano la modalità d’attacco preferita dai cyberbulli, che di solito colpiscono le proprie vittime attraverso la […]
29 gennaio 2014

Sexting, prima ricerca italiana fa luce sul fenomeno

In aumento tra gli adolescenti. E’ un fenomeno emergente tra gli adolescenti, ma poco se ne sa e poco se ne parla. Una ricerca, la prima […]