Ragazze filmate a seno scoperto o mentre fanno sesso e poi buttate in pasto ai loro amici e compagni sulla Rete, ragazze adescate con un sms da uomini che vogliono “iniziarle” alla vita sessuale, ragazzi truffati da coetanee che poi li ricattano chiedendo soldi per non far circolare sul web un improvvisato spogliarello.
Adolescenti che per questo si suicidano: come l’italiana Carolina, 14 anni, che pochi giorni fa per una foto rubata si è gettata dal balcone di casa o Amanda, sua coetanea canadese, che prima di uccidersi ha girato un video per spiegare quello che era successo.
La crociata contro il cyber-bullismo è stata lanciata dalle Iene nella puntata di domenica scorsa (http://www.iene.mediaset.it/puntate/2013/01/13/puntata.shtml) e dovrebbe, a mio avviso, diventare materiale educativo, utile a insegnanti e genitori per aprire un dialogo con studenti e figli.
Agghiaccianti anche le risposte date da alcuni studenti di un liceo intervistati nel corso della trasmissione, da cui si capisce come gli adolescenti non abbiano consapevolezza di maneggiare strumenti, smartphone e computer, che se usati male possono trasformarsi in vere e proprie armi.
Riprendere con il telefonino è per loro un’abitudine, un atto istintivo che non lascia spazio al pensiero. I motivi che li spingono, truffe a parte, sono assolutamente superficiali: lo fanno per divertirsi, per vantarsi con gli amici, per sfogare l’esuberanza sessuale propria dell’età ma che evidentemente non trova modi migliori di incanalarsi.
Fortunatamente non tutte le storie hanno un finale tragico.
Le Iene hanno smascherato un uomo di 35 anni che ha adescato una sedicenne via telefonino. Oltre 200 gli sms che le ha inviato, tutti con messaggi sessuali molto spinti ed espliciti. Fortunatamente Pamela ne ha parlato con mamma e papà. Così loro si sono sostituiti a lei nel rispondere ai messaggi e alle telefonate, fino a organizzare un incontro durante il quale l’adescatore è stato smascherato.
Inquietante però quanto riferito dalla madre della ragazza: si era rivolta alla polizia ma le era stato detto che non si poteva intervenire perché nel comportamento dell’adescatore non si configurava un vero e proprio reato.

Copiare gli scritti altrui non solo è vietato dalla legge, ma è indice di scarso senso etico. Se ti piace quello che ho scritto e lo vuoi riprodurre altrove, fallo pure, ma per favore cita la fonte.

15 gennaio 2013

SUICIDI DI CAROLINA E AMANDA, CROCIATA DELLE IENE CONTRO IL BULLISMO IN RETE

Ragazze filmate a seno scoperto o mentre fanno sesso e poi buttate in pasto ai loro amici e compagni sulla Rete, ragazze adescate con un sms […]
12 gennaio 2012

SE INTERNET AIUTA A NON DIMENTICARE…

“Pronto, buongiorno, chiamo dalla Calabria...”.Oddio, sarà la solita rompiscatole del call center che mi vuole cambiare piano telefonico! Dovevo immaginarlo, il numero comparso sul display mi […]
29 giugno 2011

LA RETE NEL MIRINO DI AGCOM, ALLARME DALLE ASSOCIAZIONI

6 luglio, segnatevi questa data perché potrebbe essere un giorno nefasto per la Rete. Quel giorno l’Agcom, l’Autorità per le comunicazioni, emetterà una delibera a tutela […]
6 giugno 2011

TRA SILENZI E GRANDI ASSENTI DELUDE IL G8 DELLA RETE

“Acqua, bene comune” è il fortunato slogan con cui le associazioni promotrici dei due referendum sull’acqua hanno caratterizzato la campagna elettorale. Tanto che il termine “bene […]
19 dicembre 2010

ADOLESCENTI, E’ SORPASSO TRA INTERNET E TIVU’

Per la prima volta Internet sorpassa la tv tra gli adolescenti nostrani. Lo afferma la Società Italiana di Pediatria, che di recente ha presentato i risultati […]