Milano città internazionale alla ricerca del brand

Milano internazionale (Tavolo Giovani)

Milano città internazionale vuole internazionalizzarsi ancora di più: ne sono prova i recenti viaggi del sindaco prima a Londra e poi a Tokyo. Per trovare nuove idee che ne rilancino l’immagine all’estero Comune e Camera di Commercio si appellano ai creativi delle startup.

Milano internazionale chiede aiuto ai giovani

Dopo il successo di Expo servono nuove idee per rilanciare l’immagine di Milano internazionale. E soprattutto serve un brand che la renda visibile e percepibile da tutti, come la Grande Mela lo è per New York. Difficilmente però la creatività potrà nascere dall’interno dell’Amministrazione pubblica. E così, dopo aver istituito un Comitato Brand Milano composto da esponenti della società, delle professioni e delle università (lo creò Pisapia nel 2012 proprio in vista dell’Expo) ora ci si rivolge alle startup e alle agenzie di comunicazione attraverso il Tavolo Giovani.

Infatti l’appuntamento mensile riservato all’iniziativa nata dalla collaborazione tra la Camera di Commercio e il Comune di Milano, svoltosi ieri a Palazzo Giureconsulti, era proprio dedicato al tema “La comunicazione come leva di competitività”, hastagh #MilanoInternazionale.

Dieci gli esponenti di altrettante startup (anche se non proprio tutte potrebbero definirsi tali) convocati dal Tavolo:

  • Ivan D’Ignoti: comunicatore free-lance diventato famoso per le foto scattate davanti ai padiglioni di Expo e diffuse sui social con l’hastagh #unsaltonelmondo. In seguito è stato testimonial della Swissair per cui ha realizzato una campagna pubblicitaria
  • Vanessa Scodeggio di Runtime Productions, società di produzione video specializzata in branded content
  • Angelo Faresin di Artès, progetto di turismo esperienziale
  • Giovanni Fontana di Ex Lab, startup che si propone come trait d’union tra le aziende che hanno bisogno di soluzioni innovative e i centri di ricerca e le università
  • Stefano Epis di Design Circus, punto di riferimento per i designer che vogliono promuoversi e vendere le proprie creazioni
  • Melania Pecoraro di Valentina Communication, agenzia di comunicazione torinese che organizza il Forum nazionale dell’imprenditoria giovanile e femminile Gammadonna (quest’anno si terrà a Milano, non più a Torino)
  • Alessia Cicuto di Brand Stories, agenzia specializzata in content marketing e branded entertainment
  • Alessandro Terranegra di Donkey Commerce, startup per l’e-commerce delle Piccole e Medie Imprese
  • Valentina Brambilla de La Fontana di Comazzo, azienda agricola certificata per la produzione di latte e formaggi biologici
  • Valeria Murru di Coppa+Landini, piattaforma per la progettazione collaborativa basata sulla metodologia del Design Thinking.

Oltre a loro intorno al tavolo quattordici Young Leaders del progetto di Unioncamere e Regione Lombardia Invest in Lombardy, struttura dedicata all’attrazione di investimenti nonché esempio virtuoso di partnership tra settore pubblico e società private.

Tra le idee emerse sono state particolarmente apprezzate quelle di costruire una narrazione in cui siano gli stessi milanesi a illustrare la loro città (Alessia Cicuto di Brand Stories), di gemellarsi con città avanzate nel campo dell’innovazione digitale come per esempio Buenos Aires (Juan Barberis di Lide Italia), di ispirarsi per la creazione del brand al progetto dell’area Garibaldi-Repubblica realizzato per metà da architetti italiani e per l’altra metà da architetti di altre nazioni (Ilaria Nava di IlariaNavaStudio).

Milano internazionale, una città dalle molte anime

Creare un brand per Milano non è facile. Il perché lo ha spiegato il capo di gabinetto del sindaco, Mario Vanni, parlando delle molte anime della metropoli, che non sono solo la finanza, la moda o l’industria perché se consideriamo il suo hinterland anche l’agricoltura vanta delle eccellenze, per non parlare dell’arte e della cultura (pochi sanno per esempio che la maggior parte dei premi Nobel italiani sono milanesi di nascita).

Ma Milano all’estero è molto apprezzata anche per l’innovazione tecnologica come ha ricordato Giacomo Biraghi, mentre l’amministratore delegato di Fiera Milano Congressi Francesco Conci ha evidenziato un dato molto positivo per la capacità di attrazione della metropoli milanese: negli ultimi cinque anni gli eventi internazionali realizzati in Fiera hanno registrato un incremento di presenze del 15%.

Il prossimo appuntamento per il Tavolo Giovani, fissato per il 26 ottobre, sarà dedicato al tema dell’innovazione sociale.

Annamaria Vicini
Annamaria Vicini
Giornalista pubblicista ho collaborato con quotidiani nazionali (L'Unità, Corriere della Sera, Il Giorno) e, dopo essermi trasferita da Milano in Brianza, con testate a carattere locale. Fulminata sulla via del web, sono passata nel 2001 a dirigere un sito Internet e una tivù a circuito chiuso nell'ambito della Grande Distribuzione. Ho realizzato house organ aziendali e mi sono occupata di Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni. Attualmente lavoro come free-lance e sono Digital Champion di Merate (Lc).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.