Startup sociali: 21 progetti per Tavolo Giovani

startup sociali (Tavolo Giovani)

Le imprese sociali attraggono i giovani lombardi: sono ben 21 i nuovi progetti presentati al Tavolo Giovani, iniziativa della Camera di Commercio di Milano nata dai Tavoli tematici per Expo.

Startup sociali all’insegna dell’innovazione

C’è l’associazione dei giovani giuristi per colmare le lacune della formazione universitaria e contribuire alla promozione della responsabilità sociale; c’è l’applicazione mobile per condividere emozioni, ricordi ed esperienze nel momento in cui si vivono; c’è la piattaforma anti-spreco che segnala i negozi in cui trovare cibi vicini alla scadenza e perciò scontati, e quella dedicata alla comunità milanese di lingua tedesca per creare un networking che faciliti la ricerca di alloggio, lavoro e servizi per la famiglia.

Sono alcuni esempi di progetti di innovazione sociale che sfatano l’idea che “il sociale” equivalga esclusivamente ad assistenza per anziani, bambini e disabili. Un concetto superato e da superare, non solo perché anche nei servizi per le cosiddette categorie “fragili” si può fare innovazione (e tra i 21 progetti troviamo alcuni esempi illuminanti, come la piattaforma per eventi culturali accessibili a persone con disabilità sensoriali o l’applicazione per richiedere un assistente personale di fiducia), ma anche perché la legislazione sulle startup innovative prevede una particolare forma di startup a vocazione sociale che abbraccia un ampio ventaglio di settori che con l’assistenza non hanno nulla a che vedere come la tutela dell’ambiente, la valorizzazione del patrimonio culturale, la formazione universitaria e post-universitaria, la ricerca e l’erogazione di servizi culturali.

Startup sociali, ecco i 21 progetti presentati al Tavolo Giovani:

  1. Codista on-line (Giovanni Cafaro): dall’inventiva di Giovanni Cafaro, primo codista italiano, nasce una nuova figura professionale: colui che fa le code per gli altri, per chi non ha tempo o voglia di farle. Oltre che fare le code nei vari uffici pubblici di Milano, i codisti svolgono anche pratiche burocratiche e commissioni basate sulla fiducia e sul notevole risparmio di tempo.
  2. Articolo 4 (Marina Trentin): l’Associazione, che si ispira all’Articolo 4 della Costituzione Italiana, persegue finalità sociali tra cui il reinserimento di donne e uomini estromessi dall’attività professionale dopo anni di lavoro e che si trovano in difficoltà economica, disagio psicologico e abitativo.
  3. YoRoom (Luca Diodà): è uno spazio di coworking che ha l’ambizione di diventare una Comunità Socialmente Responsabile. Come ambiente di lavoro condiviso, Yoroom sostiene le imprese giovani (YO-Young Organizations) e si propone di ospitare gratuitamente un’organizzazione che si occupa della migrazione e dei rifugiati.
  4. Plusimple (Claudio Piccarreta): è la prima piattaforma web di empowerment “patient-side” che consente all’utente di gestire in maniera integrata e completa la propria salute grazie all’interazione con tutti i soggetti coinvolti in un unico accesso. Plusimple connette utenti con medesime patologie, associazioni di pazienti a loro supporto, professionisti e strutture volte a curare determinati problemi.
  5. ELSA Milano (Valentina Cerrigone) The European Law Students’ Association (ELSA) è la più grande associazione al mondo di giovani giuristi. Indipendente, apartitica, non governativa, aconfessionale e senza scopo di lucro, nasce per completare la formazione degli studenti in materie giuridiche e contribuire alla promozione della responsabilità sociale. Colmando il gap tra il mondo universitario e quello lavorativo, ELSA consente di connettere in un unico grande network più di 40.000 soci, tra studenti e neolaureati, in 42 Paesi europei.
  6. C+L Ventures (Andrea Landini) C+L Ventures è una startup che nasce all’interno della società di consulenza Coppa+Landini e che presenta tre best practices di innovazione sociale: Bircle, piattaforma desktop e mobile per creare in crowdsourcing e distribuire guide turistiche ed itinerari accessibili per disabili motori; Plus, piattaforma per la progettazione collaborativa per designers; CAP4IDEAS, che sfruttando la piattaforma di crowdsourcing Plus ha permesso la progettazione della prima fontanella per l’acqua pubblica al mondo in digital fabbrication.
  7. Le stelle nella risaia (Giorgio Serbanescu): è un progetto letterario/cinematografico che nasce dall’omonima novella scritta da Roberto Malini e illustrata da Dario Picciau che mira a incrementare la sensibilità pubblica sul contrasto alla povertà con politiche alimentari nuove ed efficienti. L’iniziativa è fortemente voluta e promossa da Giorgio Serbanescu, CEO dell’impresa etica Scappi’s di Gallarate.
  8. WallPlace (Giuseppe Gazzara) è l’applicazione mobile con la quale condividere ricordi, emozioni, esperienze e stati d’animo tramite foto, testo, video e audio, localizzandoli tramite Gps nel punto esatto in cui l’esperienza è stata vissuta. Gli utenti potranno così creare una memoria personale, ma condivisa, di ogni singolo punto del mondo visitato, garantendo – tramite la geolocalizzazione automatica dei post – che tali esperienze siano state effettivamente vissute in quel preciso luogo.
  9. Associazione Atelier Azzurro (Enrica Pastore): è un’associazione culturale senza scopo di lucro che, attraverso mostre ed eventi artistici, permette ai partecipanti di compiere un percorso di crescita creativa, realizzando un progetto personale in forma educativa e interattiva. Le iniziative promosse, tra cui workshop e laboratori di stampa in 3D nei musei, ambiscono a creare occupazione giovanile nel settore artistico.
  10. MagicsLab (Giulio Gagliano): comunicazione e marketing a supporto del sociale, si propone come partner strategico e operativo per lo sviluppo di idee innovative con alto potenziale tecnologico, sostenibili e scalabili, sfruttando le opportunità che i grandi network come Google e Facebook offrono, con un focus sulla comunicazione online.
  11. PASSin (Fabio Calarco): è una piattaforma web per persone con disabilità sensoriali che intende promuovere l’inclusione sociale dei cittadini con disabilità di vista e/o di udito finalizzata all’abbattimento delle barriere, alla comunicazione e alla diffusione della cultura legata al mondo della disabilità sensoriale. Il pubblico di riferimento sono i giovani, per favorire la loro formazione e vita sociale.
  12. Azienda agricola San Giuda (Stefano Piatti): svolge attività di agricoltura sociale promuovendo l’integrazione lavorativa di soggetti svantaggiati, in particolare detenuti. Il progetto nasce dal rinnovamento dell’attività familiare dopo l’esperienza diretta di Stefano Piatti con i detenuti in Sud America.
  13. GetWYS (Nicola Zanola): il charitygram che trasforma gli scatti delle persone in un gesto di beneficenza, è un progetto che ambisce a creare un link tra organizzazioni non governative e club culture con tre obiettivi chiari: permettere ai promoter e artisti che hanno una sensibilità sociale di esprimerla in modo semplice ma concreto, coinvolgere gli appassionati di musica elettronica in progetti di impatto sociale, aiutare le organizzazioni non governative a raccogliere fondi da giovani donatori.
  14. ilmioSupereroe.it (Gabriele di Bella): è una piattaforma digitale che offre molteplici servizi per la persona e per il tempo libero, attraverso un network di professionisti prenotabili direttamente online tra cui colf, badanti, babysitter e personal trainers.
  15. Germans in Milan (Cornelia Schmitt-Sgubini): è una piattaforma di networking e servizi dedicata alla comunità tedesca/austriaca/svizzera residente a Milano che fornisce supporto nella ricerca di alloggio, servizi per la famiglia e di impiego attraverso una rete di professionisti di lingua tedesca secondo una logica di crowdsourcing che consente di raccogliere opinioni ed esperienze.
  16. MyFoody (Luca Masseretti) mira a ridurre gli sprechi alimentari con una soluzione innovativa che consente di trovare prodotti alimentari vicini alla scadenza o con difetti estetici, di qualità e a prezzo scontato, acquistabili nei negozi e supermercati più prossimi all’utente.
  17. BrandOrbi (Gianluca Sansone): è una piattaforma digitale che connette brand e consumatore senza intermediazione, consentendo agli utenti di accogliere un brand in un private party con gli amici. Brandorbi democratizza l’accesso alla brand influence e all’organizzazione di eventi, dando l’opportunità agli utenti privati di mettere in gioco le proprie capacità di influenza sociale presso il proprio network, fisico e digitale, ed organizzare eventi di piccola dimensione a favore di imprese affini.
  18. Jobobo s.r.l. (Lorenzo Carnovale): è una piattaforma digitale di offerte di lavoro che si propone di tutelare e regolamentare i contratti di giovani lavoratori occasionali. Inoltre, si occupa di sviluppare progetti per l’impiego di giovani ex detenuti.
  19. Brix System (Cristian Fracassi): è un sistema costruttivo innovativo, nato da un’idea che l’ingegner Fracassi ha avuto nel 2009 a seguito del terremoto de L’Aquila. Sistema di costruzione completamente a secco che consente la realizzazione di abitazioni e strutture di ogni tipo, grazie all’impiego di mattoni leggeri e semplici da montare, senza che sia necessario l’intervento di manodopera particolarmente specializzata: si agganciano in maniera veloce l’uno all’altro e non occorre impiegare malte, resine o collanti di alcun tipo.
  20. Sysmo (Mauro Torquati): è la prima black box interconnessa che tiene sotto controllo l’integrità strutturale degli edifici. In caso di superamento di soglie stabilite, sia di confort che di danno, il sistema avviserà gli inquilini, i vigili del fuoco o la protezione civile. Progetto nato nel 2012 da un’idea dell’ingegner Torquati a seguito del terremoto dell’Emilia.
  21. UGO (Federica Vidali): è un’applicazione che consente di avere un assistente personale sempre a disposizione. Le sue funzioni includono servizi di rilevanza sociale, tra i quali l’accompagnamento di persone anziane e non vedenti in attività semplici e quotidiane, come recarsi in ospedale o fare la spesa. Gli UGO sono accuratamente selezionati per garantire serenità a chi richiede il loro intervento. Comune di Milano, Fondazione Brodolini, FabriQ e Acli, sono attualmente coinvolte con UGO per un test di sviluppo urbano del servizio.

 Imprese sociali: 1 su 5 è localizzata in Lombardia

Secondo i dati della Camera di Commercio un’impresa sociale su 5 si trova in Lombardia. In tutto sono 10.000 le imprese del settore localizzate in questa regione e 160.000 sono gli addetti. Milano fa la parte del leone con oltre 4.000 imprese, seguita da Brescia con 1.181 imprese. Nel 2015 sono cresciute del 4%, tra il 2011 e il 2015 l’incremento è stato di + 11%.

Il settore dell’istruzione è il più ampio (4.000 imprese), seguito dall’assistenza sanitaria (3.000) e sociale (3.000), mentre le organizzazioni associative sono circa 600.

Un’impresa sociale su 3 è femminile, il 6% sono giovani.

“Sensibilizzare le imprese sul tema etico e sociale significa promuovere un mercato più equo, efficiente e competitivo e contribuire a rafforzare il volto umano di Milano e del  nostro territorio – ha dichiarato Alberto Meomartini, vice presidente della Camera di commercio di Milano –. Ecco perché con questo Tavolo Giovani coinvolgiamo le giovani imprese legate a progetti di innovazione sociale, per una diffusione a beneficio dell’economia e della comunità”. 

 

 

 

Annamaria Vicini
Annamaria Vicini
Giornalista pubblicista ho collaborato con quotidiani nazionali (L'Unità, Corriere della Sera, Il Giorno) e, dopo essermi trasferita da Milano in Brianza, con testate a carattere locale. Fulminata sulla via del web, sono passata nel 2001 a dirigere un sito Internet e una tivù a circuito chiuso nell'ambito della Grande Distribuzione. Ho realizzato house organ aziendali e mi sono occupata di Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni. Attualmente lavoro come free-lance e sono Digital Champion di Merate (Lc).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.